domenica 19 agosto 2018

In volo


Vorrei essere una piuma d’aquila
e volteggiare
ad altezze infinite
al centro del cielo
protetta dal nido materno
delle mie penne.

Mi librerei nel vento,
felice unica padrona del mio essere
con  stridule canzone
a invadere l’aria

Osserverei la frenetica agitazione degli uomini
con occhi attenti
Misurerei la loro voracità
con sguardo severo.
Cofronterei la mia placida vita
con la loro infaticabile insicurezza

Mi appolaierei su madre roccia
e
non rimpiangerei nulla.

Io…

libertà
gioia di vivere
volo infinito
vita irrinunciabile

Io
padrona dell’assoluto
senza limiti o umane convenzioni

Patricia




6 commenti:

  1. Una bellissima poesia che sa di infinito e di libertà, forse, senza saperlo, aneliamo tutti lì, al cielo.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O di voglia di fuga, Sinforosa?
      Grazie e bacio

      Elimina
  2. 1° Commento serio: la tua bella poesia lo merita.
    Bella e ariosa, Mi fa capire che ti senti rimicciolita dentro il tuo buzzo e che aneli voltaggiare nel cielo libera e sola. Non è da poco, ma la poesia è bella.

    2° commento irriverente, te lo meriti tu.

    Vorrei essere una piuma di cavallo,
    sì quei cavalli come Pegaso
    che poi vanno sulla luna
    cavalcati da un eroe
    come Rinaldo,
    una bella trovata del mio amico Ludovico.
    A proposito lo sapevi che io
    ho iniziato ad esporre miei quadri
    qui in Germany con lo pseudonimo
    di Ludovico Altero in omaggio
    al ferrarese? E adesso
    lo sai. Tutta la produzione dal 1973 al 1977
    porta quel nome e ben tre vernissage.
    Sapevi che tutti quei minuscoli
    meteoriti che di notte si vedono orbitare
    intorno alla Terra sono i residui
    delle cacchette che cosparse
    Pegaso lungo il percorso
    Terra-Luna e ritorno.
    Capirai: Rinaldo era un culone,
    mettici pure l'armatura
    e vedi tu, povero cavallo alato
    che buco che s'è dovuto fare.
    Una prece, por favor.
    Allora ti dicevo che vorrei
    vorrei, quanto vorrei,
    essere una piuma di cavallo
    e svolazzarti ogni notte
    sopra il tetto,
    ma senza rilasciare cacchette
    mi raccomando.
    Tranquilla, te lo garantisco io.

    VINCENZO IACOPONI MALAVISI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiamasi voglia di fuga, Vincenzo 😊 comunque grazie!

      E arigrazie per la tua poesia irriverente e iacoponesca 😂😂😂😂

      Elimina
  3. Cara Patrizia, questa sensazione deve essere meravigliosa, da giovane facevo dei sogni che volavo!!!
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, Tomasino!
      Un bacio grandissimo

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY