martedì 9 ottobre 2018

VERSEGGIANDO 10

             VERSEGGIANDO 10



Ciao fanciulli!
La vita segna, anche profondamente. Insegna pesantemente a volte.
Ma proprio lasciarci piegare e calpestare senza tentar di sollevar la testa no!

Non so se sarò puntualissima a preparare il riepilogo. Non so nemmeno se riuscirò a rispondere velocemente ai vostri graditi commenti ma... diamoci una mossa.
Alziamo la testa e diciamo ma vaffanc**** a tutto ciò che ci vuole proni.

Detto questo, diamo quindi il via ad una nuova puntata di VERSEGGIANDO.
Se non sbaglio  nessuno aveva scelto le parole per questa nuova puntata quindi le scelgo io.
Se per caso mi sbagliassi, possibilissimo perchè la testa è sul collo ma non sempre funziona a dovere ultimamente, scusatemi e fatemelo sapere qui nei commenti. Terremo buone le vostre parole per il  numero 11.
Ma ora, siete pronti? E allora... via!!!!!!!!!!!

Ecco le 5 parole da usare nell'ordine in cui volete ma obbligatoriamente.



NEPOTISMO
DIVERGERE
DUBBIO
AMBRA
ARGOMENTO

Sono abbastanza fuori? Io, intendevo, non le parole :D)
Ciaoooo
Patricia

21 commenti:

  1. Nepotismo, urlarono all’unisono gli stolti.
    No, urlò lei, Ambra,
    solo Dubbio Argomento
    e Divergere divenne il suo motto.

    sinforosa


    RispondiElimina
  2. Miiiiii...stavolta l'ho beccato! La poesia va messa qui sotto? ^_^... Certo, che paroloni Patty, mo mi impegno... :P... Un abbraccio, e FORZA!! Z<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, tesoro. Qui la poesia oppure il link e la poesia ssul tuo blog. Come per IR.
      SCrivila seria, triste, filastrocca, con le rime, unga corta... come preferisci :)
      Vsto che regole d'acciaio???????????? ahahahahahahah
      Ti aspettiamo!

      Elimina
    2. Dimenticavo Irene. Le 5 parole sono obbligatorie ma possono essere usate in qualunque ordine tu voglia.

      Elimina
  3. Complimenti le tue migliori parole di sempre. Parteciperò ovviamente :-)))

    RispondiElimina
  4. Eccomi con la mia poesia :-)))

    PORTATA UNICA

    Anime color AMBRA
    Ci avvisano
    Ci sfiorano ma non le capiamo
    Non percepiamo il pericolo
    Non le ascoltiamo.

    NEPOTISMO pseudo-intellettuale
    Impone cultura da reality
    Tematiche superficiali
    E polemiche da bar.

    Difficile DIVERGERE da questi clichè
    Da questa rotta tracciata ormai da tempo
    E impostasi come un solco profondo
    E tristemente radicato.

    Nessun DUBBIO
    Solo o "bianco" o "nero"
    Non esiste ARGOMENTO che non debba essere urlato
    Insulti e denigrazione dell'avversario sono la regola

    Fango su chi cerca di articolare forme di pensiero più evolute
    Parole che si discostino dalla pancia ma escano dal cervello
    E dall'anima.

    Cancellazione di ogni forma di analisi
    Ragionamento
    Eliminazione chirurgica di ogni distinguo.

    Sbobba pronta e precotta
    Questa è l'unica portata di questo diabolico menu fisso

    Se volete cibarvene
    Accomodatevi
    Io non mi siederò alla vostra tavola

    Mai.

    DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che hai dovuto pensarci a lungo, eh... :) Dalle 12.07 alle 13.23!!!! Ma quanto cic hai pensato???? ahahahahahahha
      Complimenti come sempre!

      Nemmeno io! Sarò malfatta ma sono indipendente. Voglio essere indipendente!
      Bravissimo!

      Elimina
    2. Ah Ah, vero di solito sono più rapido :-)))! Scherzo!!! Grazie Patty ti ringrazio di cuore per il tuo bel commento e sono felice di essere riuscito a far risaltare al meglio le tue bellissime cinque parole scelte.

      Elimina
    3. ahahhahahhaah mai quanto la nostra maestra! ahhahahahaha alla fine dell'anno dovremo darle il premio di velocità supersonica ahhahahaha

      Le mie parole saranno belle ma di certo tu hai saputo dar loro una luce... un riflettore puntato su ognuna di loro. Mica da tutti sai....
      Ciaoooo

      Elimina
  5. Certo...parole più ostiche ed indigeste non potevano essere scelte... io la poesia
    la intendo come una armonia senza note musicali...Non saprei da dove iniziare...ciao !

    RispondiElimina
  6. ahaaaa in fondo hai ragione tu Cesare ma noi qui siamo fatti così. Un po' fuori dall'ordinario.
    E queste le ho scelte io. Hai visto nelle puntate precedenti quelle scelte da Vincenzo o Daniele?

    Ciao a te!

    RispondiElimina
  7. DUBBIO feroce assale tutti
    coloro che su questa terra ove dovunque
    tu guardi sembra AMBRA
    e invece sono soltanto cocci
    gialli riverniciati,
    e allora cerchi un ARGOMENTO
    nuovo da opporre,
    ma tutti fanno resistenza
    a ciò che è nuovo.
    Troppo NEPOTISMO in questo
    angolo di Universo
    e allora non resta che DIVERGERE
    da questa orbita obsoleta
    nella nostra Galassia
    obsoleta
    e cercarsi un nuovo
    pianeta lucente ma che lo sia realmente
    e non riverniciato di fresco
    da mano poco capace.
    E se hai fortuna avrai
    in mano l'ARGOMENTO vincente
    per poter finalmente
    DIVERGERE in trionfo galoppante
    dal DUBBIO che è pur in grado
    di obliterare qualsiasi rigurgito
    di NEPOTISMO
    colorando d'AMBRA
    un cielo arcaico.

    VINCENZO IACOPONI MALAVISI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima Vincenzo!!! Potente, vicina ad un possibile futuro ed intensa.

      Elimina
    2. Eh, Vincenzo!!!!!! Dirti che sei incredibile è dirtit poco.
      Attuale, forte! Bravo!

      Elimina
  8. Che significa NEPOTISMO?
    Far DIVERGERE tutto
    su un unico DUBBIO.
    Ma l'amore può avere limiti?
    La persona che ami
    può avere ostacoli
    od indifferenza da te
    che sai quanto meriti
    tutto il tuo aiuto?
    L'ARGOMENTO è molto arduo.
    Come il tempo
    passato a formare
    quell'AMBRA
    intorno a qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amore può avere limiti?
      No! Ma bisogna a volte crearseli. Amore non significa proteggere sempre. A volte significa lasciar cadere
      Bellissima Pia! Bacio!

      Elimina
  9. La mia prima volta, Patty!! Eccomi, spero di aver compreso l'ingranaggio ^_^
    I miei versi:

    Un grosso grosso DUBBIO le viene all’improvviso:

    - AMBRA, Ambretta mia! urla mestando il riso.

    - Ah ma', nu’rompe proprio, me sto a passà l’unguento

    - E molla un poco, vieni, me preme un ARGOMENTO.

    I figli lo si sa, stan sempre lì a DIVERGERE,

    La madre afferra il mestolo e in alto lo fa ergere.

    La figlia accorre presto, si guarda un pò la mamma,

    Poi tutto insieme dice con molta molta calma:

    - Mammà la devi smettere con questo NEPOTISMO
    Coi miei fratelli scherzi e a me mi fai il bullismo.

    La madre allarga gli occhi, si siede quatta quatta,

    La mano stretta al mestolo, la faccia di una matta.

    - Ma mica sarai ‘ncinta che parli de nipoti...
    Te giuro Ambretta mia, te faccio prènne i voti.

    E poi ci ho fatto il post, sai che mi piace conservare anche sul blog. Torno a leggere le poesie di tutti :*** oggi sono di voooolaaaataaaaaaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto mi mancavi REginella bella!!!!
      La tua prima splendida volta!
      brava come sempre :*)
      Grazie!

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY