giovedì 8 novembre 2018

Orso Oliandri, la leggenda della casa maledetta

Questo libro partecipa alla SFIDA ALL’ULTIMA PAGINA – READING CHALLENGE 2018




Orso Oliandri, la leggenda della casa maledetta.
Annamaria Corvi
Lettere Animate Editore (2018)



Una casa maledetta di cui si sentono la presenza e il peso fin dall’inizio. Ma sarà realmente stregata?
Un giornalista, Orso Oliandri, con un peso sul cuore.
Una ragazza, Aurelia, che invece ha gettato strada facendo i suoi pesi e affanni personali.
Ecco i protagonisti di questo libro dove il mistero più che pauroso è voce di speranza.

La nostra comune amica Annamaria, più conosciuta come la maestra d’infanzia  SINFOROSA CASTORO  ne è l’autrice.

In questo suo bel libro è mia impressione che esca fuori molto di lei. Che metta parte del suo lavoro e tutta la sua forte fede.

Ci sono lunghi passi in cui sembra quasi che parli ai suoi bambini anche se qui i lettori sono adulti e il linguaggio e indubbiamente adatto a loro. Che spieghi alcuni misteri della religione e della fede. Sempre si percepisce la profondità della sua religiosità.
Io, atea, non avrei mai saputo scrivere con tanta cura di questi argomenti.
Il male che cerca sempre di prendere il sopravvento sul bene ma non ci deve riuscire. Fede, Speranza e Carità che unite lo possono combattere. Bisogna cercarle, trovarle. Dentro di noi perché è lì che risiedono al di là della nostra cecità.
Questo è il lungo percorso del protagonista, Orso. Incontrare nel suo cuore queste tre doti.

Ecco! Se Sinforosa non si offende, definirei questo libro una lunga parabola/viaggio interiore alla ricerca di Dio passando attraverso la ricerca e la conoscenza intima di sé.
Patricia


ps i libri di Annamaria Corvi, Sinforosa Castoro, sono in vendita su
Amazon, Ibs, Feltrinelli e altri store.

12 commenti:

  1. Ma che meravigliosa sorpresa! E che bella e puntuale lettura che hai fatto di questo romanzo, Patricia, complimenti. Il romanzo è proprio una parabola della vita di tutti e ciascuno, di chi si reputa credente e chi, invece, si dichiara ateo. Tutti, nessuno escluso, a un certo punto della propria vita si ritrova a fare i conti con sè stesso, ad affrontare la propria coscienza, che “parla” a tutti, credenti e non, proprio come il Grillo parlante parlava a Pinocchio. E allora si scoprono quei nervi scoperti delle proprie fragilità, del proprio male, che incombe sempre e soprattutto dove abbonda la grazia. Un romanzo contro l’ipocrisia del “sentirsi” a posto. Un romanzo che privilegia l’essere dall’avere. Insomma, Patricia, grazie, di cuore, per averlo letto e averne parlato. Radiosa giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son felice che ti sia piaciuta come son felice che mi sia piaciuto il libro.
      Il sentirsi a posto... "dote" chiamiamola così di chi non si pone mai domande, di chi si sente super partes. Praticamente dei cafoni presuntuosi.
      Bacio!

      Elimina
  2. Bellissima recensione lucida nonostante siate amiche e scevra da sensazionalismi furbi ma al contrario parole chiare, sincere, efficaci che fanno arrivare a chi ti legge un messaggio positivo su quanto hai letto e dettato dall'aver apprezzato veramente l'opera di Sinforosa alias Annamaria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dani!
      Io posseggo quello che al giorno d'oggi è un pessimo difetto. Dico quello che penso che faccia piacere o no all'interessato.
      In questo caso non potevo dire altro :)

      Elimina
  3. Anch'io ho letto il libro di Sinfo e devo dire che tu sei stata bravissima a coglierne tutti gli aspetti più profondi, che condivido, per questa tua recensione. Saluti

    RispondiElimina
  4. Ma che bella e intelligente recensione. Un abbraccio a tutte e due.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari, ma le mie non sono recensioni. SEmplici impressioni. Corde mie personali che il libro letto ha toccato.
      Bacio!

      Elimina
  5. Mi segno il titolo del libro. Mi attira. Ciao e buon fine settimana

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY