sabato 12 gennaio 2019

Resto qui


Resto qui

Marco Balzano

Einaudi (2018)

 






Se un libro potesse raccogliere tutto il dolore di una vita, questo libro si intitolerebbe Resto qui e sarebbe scritto da Marco Balzano.

Questo è infatti un romanzo sofferto come la vita di Trina, testarda ragazza prima e testarda donna poi che nel paese di Curon è nata e vuole restare.



E’ anche molto intimo e intimistico nella narrazione, nello svolgersi degli avvenimenti. 
Trina nasce, vive, cresce, lotta contro i fascisti che vogliono eliminare tutto ciò che è tedesco da un paese dell’Alto Adige e che quindi le impediscono di insegnare essendo proprio di lingua tedesca. Poi lo farà da sola quando Erich il marito sarà arruolato “volontario” per la guerra e ancora lo farà àl suo fianco quando Erich diserterà e saliranno in montagna o più avanti quando lui lotterà contro la costruzione della diga che distruggerà il paese.



Ma non è solo un romanzo. E’ storia vera inserita nel romanzo. Mussolini, Hitler, le violenze contro chi non si adegua bovinamente, gli interessi politici ed economici che spingono a distruggere un’intera comunità fregandosene degli abitanti, del loro lavoro e delle loro tradizioni.



E’ soprattutto una lunghissima lettera alla figlia “rapita” dai cognati di Trina per portarla in Germania dove Hitler è visto come un salvatore. Una lettera non patetica ma sincera, non straziante ma materna eppure in un certo senso distaccata il cui scopo è quello di tramandare la storia della famiglia in seno alla comunità di Curon e di conseguenza di Curon.Perchè proprio quella storia non venga dimenticata ma trasmessa ai posteri.


Evitare l’oblio… è questo lo scopo di Trina che attraverso le vicende della sua famiglia e dell’intero paese narra ed è grande e attenta testimone di un mondo montanaro che nessuno difende, nè l’Italia né l’Austria.



Trina è donna forte, combattiva, Non teme il lavoro né il fascismo. Col passare degli anni però è disillusa, stanca e si ritrova tra le mani quella che è sempre stata la sua arma migliore: le parole.

Sarà proprio con le parole che renderà testimonianza d una storia poco conosciuta se non dimenticata del tutto e lotterà contro la costruzione della diga



Questo libro è stato un graditissimo regalo di Natale e ringrazio di cuore l’amica che me lo ha donato perché mi ha fatto scoprire un autore che ritengo veramente grande per la capacità di rendere semplice una storia complicata senza però privarla del suo valore e del suo potenziale.



Balzano ha fatto un notevole lavoro di ricerca prima di scrivere questo romanzo ma ha anche saputo fare in modo che realtà e fantasia andassero a braccetto senza che una prevaricasse l'altra.


E ha reso quel campanile che spunta per metà dal lago artificiale un simbolo: quello della lotta per la vita non solo di una comunità ma in senso lato dell’umanità.

Patricia

16 commenti:

  1. Bella lettura. Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bella Sinforosa, Una lettura "piena", di quelle che restano dentro.
      Buon fine settimana

      Elimina
  2. Cara Patrizia, passo sempre per il mio saluto e spero che tu lo gradisca.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stella
      Io aspetto sempre con piacere i tuoi commenti :)
      Un bacio a te e a DAnila!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Molto, Daniele. INteressante, scritto divinamente bene e soprattutto pieno di significato

      Elimina
  4. E' una bella r3ecensione la tua, viene voglia di correre a comperare il libro.
    Quanti bravi autori abbiamo... peccato vengano sponsorizzati sempre gli stessi (noti) autori. Qualche eccezione la fa la brava Loredana Lipperini.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie SAri. Il merito è di Flo che me lo ha regalato. N on conosevo l'autore ma è stato un incontro di notevole forza e impatto.
      Io sono alla ricerca di emergenti :) Oddio, leggo anche autori famosi però mi piace scoprire nuove firme. A volte va bene altre no, Questa volta è andata benissimo!
      Ciaooo

      Elimina
  5. Ciao, recensione ben descritta con linearità e scorrevolezza.
    Trina, una vera eroina che ha saputo lottare contro ogni avversità.
    Un caro saluto
    Rachele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rakel, hai ragione. Trina è Donna. Forte. Mai sconfitta neanvhe quando la vita le si rivolta contro.
      E' un libro notevole. Di quelli che non si dimennticano
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Proprio oggi l'ho visto in libreria.
    Mi sa che lo aggiungo alla mia wish list.
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gran bel libro Mari! Di quelli che lasciano il segno.
      Ciaoooo

      Elimina
  7. Bellissimo commento patty per un libro superbo a cui hanno " rubato" mi sia concesso dirlo il premio strega, forse non ha ancora il carisma necessario? Mah sono domande senza risposta, so solo che questo scrittore ha dalla sua l'arte di saper raccontare argomenti difficili e poco conosciuti, sensibilità e grande professionalita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Flo anche di avermi fatto scoprire questo autore.
      Ha la capacità di entrare nella storia e di farsi accompagnare dai lettori. Mica poco!

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY