lunedì 20 maggio 2019

INSIEME RACCONTIAMO 45

             INSIEME RACCONTIAMO 45

#fareblogging
#racconti
#insiemeraccontiamo 

Maggio... mese delle rose...  mese dei primi pensieri sulle prossime vacanze.
Bene! Allora partiamo tutti insieme per le ferie con questo nuovo incipit.
Ricordo che avete tempo fino al 30 maggio.
Ciaooooo



Il mio incipit

Il passaporto  era in ordine, il trolley pronto. Bastava solo  uscire di casa e poi... libertà!!!! Finalmente! E questa volta avrebbe viaggiato leggera.
Patricia

27 commenti:

  1. Leggera in quanto non era solo una vacanza ma un vero e proprio cambio di vita. Andava a vivere da una sua amica in Cile ed aveva già un lavoro,non uno qualsiasi ma quello dei suoi sogni. Quindi cambiamento totale anche nel guardaroba e bagaglio leggero. Lisa guarda il suo giardino falla finestra mentre ripensa al suo arrivo in Cile cinque anni fa. Oggi ha una sua cada ha fatto carriera e si è sposata con Carlos. Ripensa a quei momenti e sorride fiera di aver saputo, cinque anni fa, stravolgere la sua vita con coraggio e determinazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premio velocità Dani!!! :)
      Bel cambiamento di vita. Agli antipodi addirittura. Magari....

      ps faccio io le correzioni :)

      Elimina
  2. viaggiato leggera ? ma chi ?
    guardando la valigia aperta sul letto ,prossima alla chiusura pensò ;cosa mai avrò dimenticato stavolta ?
    ricordava ancora le ultime vacanze ancora trascinante il trolley pieno e pesante ..alla fine le cose utilizzate un quarto del contenuto ..che poi al ritorno tutto aveva dovuto lavare e sistemare ....allora che fare ??
    rovesciata e svuotata la valigia sul letto ..ricominciamo: infilato 2 costumi ,1 felpa, 1 jeans ,3 magliette 1 pantaloncino e un pareo che si adatta a molti usi ..infradito ..spazzolino ,doccia/shampoo ,crema e spazzola 2/3 clips ..e la medicina salvavita ..e poi i libri ..no i libri non possono esser dimezzati se si fà una vera vacanza ..e vai la valigia si può chiudere ..è rimasto anche dello spazio per riporre eventuali ricordi ...una controllata allo specchio ..borsa a tracolla e via ,la porta chiusa alle spalle e davanti una nuova e meravigliosa avventura /vacanza ..
    P.s. i vestiti e altro sparsi sul letto li sistemerò al ritorno ,tanto di lì non si muovono .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tissi..... ma se questo servisse? E se servisse quello? Uhm... potrei aver bisogno di... ahhahahahahahahahaah
      Brava! Bel finale e bella valigia!

      Elimina
  3. ... intanto dall’altra parte del mondo aveva già tutto quello che le serviva, finché il suono della sveglia non la riscosse da quel sogno.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia sta sveglia antipatica!!!!
      Almeno, sa dove era diretta? :)

      Elimina
  4. Per la prima volta in vita sua un bagaglio con niente vestiti, niente scarpe. Solo un paio di ciabattoni, l'abbronzante, il pc portatile e poco altro.
    Quel che bastava in un resort tropicale per soli nudisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tanto doposole, ARiano ahahahahahahahahahah Bravo!

      Elimina
    2. Uh, dimenticavo! In caso di ustioni solari, impaccchi freddi di acqua e aceto :D)

      Elimina
  5. Ma che è , l'incipit della mia vita passata ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O la storia di un coraggio che vorrei avere ioo??? :)

      Elimina
  6. Io non ci provo neanche perchè non sono brava in queste cose. Ti lascio i miei saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accetto e ricamnbio i saluto MIrtillo. Un abbraccio :*)

      Elimina
  7. Molto leggera. Lui era di là. Riverso a terra. La pozza di sangue che cominciava a solidificare. No. Non sarebbero mai risaliti a lei. Troppo attento lui a selezionare le uscite, le scappatelle con lei, ma senza mai una tenerezza, solo capace di picchiare, quando gli andava.
    Stavolta basta. Si era riappropriata della sua esistenza. Svuotata la testa, il cuore, fatte sparire le poche tracce...
    Si sentiva davvero molto leggera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Epperò!!!! Lui prepotente e freddo e lei stanca di subire... un bel finale noir, Franco!

      Elimina
  8. Ma leggera per davvero stavolta.
    Aveva chiuso definitivamente con Romano.
    Penso’ a quanto la loro strana relazione l’avesse ormai stancata.
    Pensò a quanto stupido fosse stato il motivo del loro litigio.
    Si erano sempre considerati una coppia aperta , si avevano sempre confessato le loro avventure.
    C’era sempre stato un tacito accordo.
    Non capiva perché s’era così incazzato l’ultima volta che l’aveva trovata a letto con Lucia e Renzo.
    Lei non aveva mica detto niente quando l’aveva sorpreso con Marco.
    Ma guarda te sto stronzo ... penso!
    Adesso era veramente libera .
    Penso a Cuba , fra poche ore ci sarebbe arrivata.
    Penso’ a juan e ad Alvarez che la stavano aspettando.
    Senti’ un brivido scorrerle sotto pelle apri ‘ il trolley ...vide la scatola di preservativi sporgere tra i costumi e i parei : Bene c’è tutto .. posso partire veramente tranquilla adesso.!


    Ciao Patricia io lo dico a te ma anche a chi legge qua il tuo blog.
    Se ti fa piacere e se ti piacciono le serie ho scritto una recensione qua:
    https://ilbuioinsala.blogspot.com/2019/05/recensione-della-serie-si-no-thagues.html?m=1

    Se passerai a leggere mi farà sicuramente piacere.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Finali molto vari questo mese! B wello mi piace!

      ps non amo proprio la tibvù on genere ma vengo a curiosare :) Grazie!

      Elimina
  9. Prima di andare verso il sogno, pensò di fare un giro per sincerarsi che tutto, nella casa, fosse a posto e anche per ricompensarsi della fatica dei giorni prededenti quando aveva tirato a lucido il nido che l'avrebbe accolta al ritorno. Accese e spense luci: la cucina era perfetta, il soggiorno-salotto pure, il bagno splendeva e nella stanza da letto la vista del settimino che aveva restaurato con tanta pazienza la inorgoglì. Stava per spegnere la luce quando il libro sul comodino attirò la sua attenzione. Era "Comallamore" e doveva metterlo assolutamente in borsa perchè rappresentava il primo incontro con il suo amato autore. Ugo Riccarelli, lì, parlava di guerra, pace, libertà, possibilità, era spiraglio, forza e di lui si era subito innamorata tanto da correre a cercare altri libri. Nessuno l'aveva delusa, anzi, e un amico così occorreva tenerlo vicino, sempre.
    Aprì il libro, lo sfogliò e, a caso, cominciò a leggere.
    Sedette sul letto.
    Poi alzò le gambe e le incrociò.
    Poi si distese e pian piano il libro divenne pesante. Lo posò e prima di addormentarsi pensò di non avere bisogno di andare chissadove per appagare il senso di libertà che voleva soddisfare. Lei ERA libera e il lontano era lì, l'aveva dentro e sileziosamente era sbocciato come un fiore.
    Chiuse gli occhi e col sorriso in cuore s'addormentò.
    ......
    Ciao Pat. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo SAri! Vero! Quando un autore e/o un libro ci prendono il corpo sarà lì, seduto, la l'anima e il cuore sono dovunque le parole e i sogni ci portano.
      Potere della letura!

      Elimina
  10. Ciao, Pat!! Come va? Purtroppo sono stata latitante per un paio di mesi, ma stavolta mi sono rifatta... Ecco il mio finale:
    http://creattivamentelulu.altervista.org/blog/2019/05/insiemeraccontiamo-45/
    A presto!
    Lulù

    RispondiElimina
  11. ll passaporto era in ordine, il trolley pronto. Bastava solo uscire di casa e poi... libertà!!!! Finalmente!
    E questa volta avrebbe viaggiato leggera.

    Erano mesi che si occupava di quel progetto . che le era costatato impegno , pazienza , fatica e stress; aveva dovuto informarsi, frequentando luoghi pericolosi e ce l'aveva fatta, ma non era ancora finita.
    Il tutto era cominciato 14 mesi prima, allorchè aveva chiesto e ottenuto il divorzio dimostrando la gelosia e la brutalità del marito,comparsa solo dopo il matrimonio.Aveva subito botte e violenze , ma dalla casa appartata dove vivevano, nessuno aveva sentito le sue grida. Si era illusa che lui la lasciasse perdere, ma si era sbagliata e a breve erano iniziate le telefonate lacrimevoli e le richieste di perdono, seguite dalle minacce e i pedinamenti . L'aveva denunciato per stalking, ma di solito la polizia si attiva a tragedia avvenuta.
    Per la prima volta aveva apprezzato il fatto di essere sola al mondo, tranne poche amicizie e colleghi di lavoro.Il progetto era semplice : oggi sarebbe partita per Sydney con i documenti autentici, poi dopo due giorni, sarebbe tornata con quelli che aveva
    comprato in uno di quei luoghi malfamati, avrebbe telefonato all'ex dicendogli che si sentiva sola e che avrebbero potuto parlare di un loro futuro ancora insieme. Gli avrebbe dato appuntamento in quel luogo appartato che avevano scoperto assieme, ma non prima di essere passata da casa a prendere la pistola.
    L'avrebbe freddato all'istante, poi l'indomani sarebbe ripartita per Sydney, sicura di non essere perseguitata anche là .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai fare arrabbiare CRistiana! ahahahahhahahaha
      Bello!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  12. Ciao Patricia!! Questo mese partecipo con piacere, questo il link: https://pyrosepatch.blogspot.com/2019/05/insieme-raccontiamo-2019-45-by-patricia.html , spero il finale a cui ho pensato regali un'emozione..., Grazie per l'iniziativa!! Un saluto a te e ai partecipanti! :)
    Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E bravisimo Davide!
      Sono contenta che tra un lavoro e l'altro tu abbia trovato il tempo e l'ispirazione! Vengo subito a leggere
      BAcio a te e a CArmela

      Elimina
    2. Letto, commentato e aggiunto al riepilogo del primo giugno.
      Mi è piaciuto realmente. Ricordi che fanno bene. Che danno un senso di libertà. SEnza contare che Rocco SChiavone ha ragione :)

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY