domenica 20 settembre 2020

INSIEME RACCONTIAMO 61

                     INSIEME RACCONTIAMO 61



E rieccoci alla normalità! 
Questo mese l'incipit sarà di nuovo mio. E vedremo se avete fatto i bravi durante l'estate e ripassato bene tutto! ahahhahahaha

La scadenza torna ad essere il primo di ottobre, data in cui pubblicherò il riepilogo.
Ma via col gioco.

INCIPIT
Durante le vacanze estive aveva dovuto fare una ricerca su un personaggio storico reale. 
Lei/lui aveva scoperto delle cose interessanti e abbastanza assurde.
Cosa ne avrebbe detto la prof?

Cattiva eh! ahahahhahahaha

Buon lavoro a tutti!
Patricia

15 commenti:

  1. ... Quella prof così bacchettona che non aveva mai nascosto, sebbene mai nominato, la sua predilezione per quel personaggio politico così falso e ipocrita. Ora si aspettava un atto di vendetta, ne era sicura, come minimo gliela avrebbe fatta pagare se non in quella materia nell’altra dove lei, lo sapeva bene, era scarsissima. Pazienza, la verità vale ben qualche brutto voto. A testa alta consegnò il suo lavoro, soddisfatta più che mai per quella sua ricerca che aveva messo in luce la vera natura di quel politico che alla prof piaceva un sacco.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahh mai far arrabbiare Sinforosa!!!!
      Poi mi dici che voto hai preso? :)
      Bello

      Elimina
  2. Era la sua passione fare ricerche su personaggi storici affascinanti e pieni di spunti interessanti, a volte stupefacenti. Come stavolta che la sua attenzione si era rivolta al Re Luigi XIV, il cosiddetto Re Sole. Aveva scoperto che si era sposato due volte, la seconda con cerimonia morganatica. In questo modo, la sua ultima conquista, Madame de Manteinon, avrebbe avuto agli occhi della corte una parvenza di ufficialità senza passare per amante, ma nessun diritto legale alla sua morte. Non avrebbe mai detto che il grande re francese,in vecchiaia, si sarebbe così addolcito ahahah
    E magari la prof si sarebbe divertita a leggere, passando sopra al fatto che da una ricerca storica era arrivato con nonchalance ad un "gossip" risalente a più di quattrocento anni prima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhaahahah anche tu, Mari,, vuoi far impazzire la prof! ahhahahah
      Bello anche questo!

      Elimina
  3. Bello questo incipit.Questa volta parteciperò.
    Cri

    RispondiElimina
  4. La Prof ? ma riposa mai?
    che abbiamo fatto di male ?
    alla fine però mi son messa in moto eeee.. partendo dalla noia più profonda ..pensando ok dai , magari scrivo 4 righe e la faccio contenta e mi salvo il deretano ..così magari poi per un pò mi lascia in pace .
    allora dai andiamo avanti : sto personaggio per benino ,ma cosa avrà mai si potrebbe dire che è nato..ha vissuto..è morto !!
    ma lei la prof. non sarebbe contenta ..e allora leggiamo scartabelliamo .. libri ,internet, e quant'altro ..
    Però ..'sto personaggino, sembrava uno stinco di santo ..quante cose oscure scopro ..e non è pettegolezzo , ma cose vere scovate qua e là ..è proprio vero mai guardare alla prima impressione ..non sempre è tutto oro..anche i migliori nascondono un lato oscuro ..più o meno oscuro ,tutti abbiamo il bianco ....ma anche il nero .
    lo dico a denti stretti ; brava Prof!!
    Alla fine anche il tuo non detto ci insegna qualcosa :guardare sempre al di là ..oltre .
    Mai fermarsi alla prima impressione ,questa è una cosa da tener presente sempre , anche per la mia vita futura ..e d'altronde è una cosa che ci ripeti spesso fino alla nausea ..ma chapeau !! anche stavolta eri nel giusto
    grande la mia Prof!

    serena domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dice un vecchio proverbio non tutto il male vien per nuocere.
      Guarda quante cose hai imparato ahahhaahh
      E due insegnamenti al prezzo di uno! ahhahah
      Brava!

      Elimina
  5. Ma che bello! Ti becco proprio con un rientro formidabile.
    Intanto ti lascio un abbraccio graaaandeeee, Pat :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. STELLLAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!
      Ah, ma allora non ti sei scordat di noi!!!!
      Ti aspettavamo tutti a braccia aperte!
      BACIOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

      Elimina
  6. Durante le vacanze estive aveva dovuto fare una ricerca su un personaggio storico reale.
    Lui aveva scoperto delle cose interessanti e abbastanza assurde.
    Cosa ne avrebbe detto la prof?
    Non era certo che avrebbe gradito... Tuttavia decise di trascrivere esattamente quel che aveva scoperto, senza omettere nulla, e il giorno in cui riaprirono le scuole, il 14 settembre 2080, consegnò il suo lavoro.
    Mal gliene incolse, perché la professoressa glielo restituì il con un bel cerchio sbarrato e il commento "Era una ricerca storica, non un racconto umoristico!"
    Lui sospirò, ci rimase male. Per scrivere la relazione su quel personaggio storico si era rivolto a un testimone quasi oculare, sua nonna, che era stata bambina quando l'uomo era ancora vivo e aveva ascoltato un sacco di storie che lo riguardavano dai suoi genitori.
    Ma niente, la prof le riteneva sciocchezze.
    "D'altronde" pensò con rassegnazione "la nonna me lo diceva sempre che quando suo padre gli raccontava le vicende di questo Silvio Berlusconi, lei faticava a credere che fossero tutte vere..."

    RispondiElimina
  7. Non ci poteva credere, eppure quella fonte sia pure quasi isolata sembrava davvero molto credibile e fondata. Secondo questo libro che sembrava riportare anche prove piuttosto convincenti che lo attestavano, Pericle, grande figura ateniese, che ha promosso l'ulteriore florido periodo della polis greca attuale capitale ellenica, era in realtà uno spartano, figlio di spartani, ma per una serie di rocambolesche vicisitudini, adottato fin da piccolo da una famiglia benestante ateniese. Quella fonte sostiene che venendo a conoscenza in età matura delle sue origini Pericle abbia in realtà poi manovrato sordidamente per mandare in guerre Atene e Sparta nella speranza, come poi accadde, che alla fine non ci fossero né vincitori né vinti. In effetti La scintilla che fece scoppiare la guerra fu la provocazione di Pericle contro Megara fiorente città commerciale alleata di Sparta e non sembrava ce ne fosse bisogno di andare a stuzzicare gli spartani. il resto è Storia, dal conflitto Atene ne uscì molto provata economicamente al punto che dovette accettare la propria sconfitta nel 404 a.C. In reità però tutti coloro che parteciparono al conflitto rimasero molto devastati sotto il profilo di perdite di vite umane e di danni economici, al punto che gli storici collocano in quel periodo l'inizio del declino irreversibile della civiltà ellenica. Ed allora ecco che sia pure nel tempo, si pure anni dopo la morte dello stesso Pericle, la sua vendetta era compiuta.

    L'insegnante rimase stupefatta, l'aspetto storico della guerra era corretto, solo era la parte su Pericle a lasciarla come sorpresa, apparentemente perplessa ma anche con uno strano sguardo di stupore.

    Roberto ebbe 10, perché? A volte la fortuna… Roberto si era imbattuto in uno scritto proprio della sua insegnante la quale rimase stupita del fatto che un suo allievo senza neanche accorgersi di chi fosse quello studio, lo aveva fatto proprio ed utilizzato nel suo lavoro. E così Roberto imparò una morale, o forse più di una: la prima, l'unica forse e cmq sicuramente la più nobile ed importante. ossia quella di non lasciarsi spaventare da qualcosa che sembrano sostenere in pochi solo perché è una minoranza ad affermarlo, perché non è detto che la maggioranza sia sempre nel giusto e custode della verità e poi, volendo essere anche un po' maliziosi, che a volte gettando delle ombre sulla vita apparentemente irreprensibile di una persona nota e famosa, a prescindere che queste ombre siano vere o meno, di fatto calunniandola se i fatti fossero falsi, è possibile perfino ergersi ad eroi del nostro tempo. Ma a questo Roberto non interessava, lui fiero del suo 10 imparò solo che bisogna sempre scavare e non fermarsi alle apparenze perché la verità a volte non è quella che galleggia davanti a noi come sterco in una fogna, ma è quella leggermente più nascosta, ma che basta osservare con attenzione per vederne affiorare dapprima la punta e poi l'intero iceberg. Ora Roberto studia giornalismo, tenendosi ben stretto come primo insegnamento, quello appresa da quella ricerca fatta alle medie,

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY