sabato 10 aprile 2021

Ho sonno

Era martedì mattina. Lei aiutava il marito nei lavori di rifacimento della cucina e sua madre sonnecchiava sul divano. Si lamentava di aver dormito poco nella notte. Al solito, aveva fatto finta di crederle perchè anche quando loro la sentivano russare lei dichiarava di essere sveglia.
Quella sonnolenza si era protratta a lungo. A pranzo la nonna aveva mangiato con fatica e con gli occhi che si chiudevano.
Aveva fatto la seconda dose di vaccino il sabato precedente ma tra i possibili problemi la sonnolenza non era contemplata.
Ad un certo punto, visto che la cosa si prolungava aveva telefonato al medico.
Poi le era venuto un dubbio. Aveva controllato le pastiglie che la nonna prendeva per dormire e ne aveva contate 14. 
Dopo un paio di ore, la donna si era svegliata dichiarando di star bene e di aver proprio dormito. 
Aveva ritelefonato al medico spiegandogli la situazione e rimanendo d'accordo di tenerlo informato.
 
Il mattino successivo, la nonna era più addormentata del giorno precedente. Nemmeno il martello demolitore in funzione nella stanza accanto la disturbava.
L'aveva tenuta d'occhio mentre dava una mano al marito. Intanto avevano finito i lavori, misso in ordine, pulito e poi si erano  seduti a tavola. Come il martedì la nonna faceva fatica a mangiare, la testa che ciondolava e gli occhi appannati.
Le era venuto un dubbio. Si era alzata e aveva controllato le solite pastiglie. Erano solo più 12. Ne aveva prese altre due!!!!
 
Fu così che Patricia le fece un culo nero, la minacciò di portarla all'ospizio perchè diventava impossibile starle dietro e poi riuiscì a sequestrarle le pastiglie. Tutte.
Tirò fuori di portapillole e lo usò per dividere  quelle del  mattino e quelle della sera.
Inutile dire che alle quattro del pomeriggio la nonna già chiedeva se le aveva preparato le dosi. 
Patricia
 
ps leggetela come volete. Verità? Fantasia?

28 commenti:

  1. Mmmm mi sa che sia verità. A un certo punto ho iniziato a gestire io le medicine di mio padre sistemandole nella scatola portamedicine. Beh questa scatolina la faceva sparire, non si trovava. Ne ho dovute comprare tre. Fai bene a gestirgliele tu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per forza, azzurro cielo. O lascio che si avveleni o faccio così

      Elimina
  2. IO non c'ho mica capito tanto ?
    La nonna prendeva le pastiglie quando non doveva?
    Ne prendeva di più del dovuto a sua (tua) insaputa?
    Mah..sti vecci..è proprio vero che piu' invecchiano e più assomigliano a dei bambini...
    Ciao Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per due giorni ha preso due Tavor da 2,5 mg.
      Forse si dimenticava di averla già presa
      Come i bimbi? Presente quando li sgridi e loro ti rispondono ma io....
      Mia madre uguale

      Elimina
    2. vero Pat , mio padre diceva che non era stato lui ma le persone che "vedeva" in casa...erano in 19.
      Ma questa è un'altra storia

      Elimina
    3. Sì è la storia di mia suocera. Diavoli e angeli che le facevano i dispetti

      Elimina
  3. Verità che sei un tesoro, fantasia che le potresti fare un culo nero. Neanche se ti vedo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si vede che non mi conosci Franco!
      Tu pensa che mio marito era sopra ed è sceso perché mi ha sentito urlare.
      Menomale che quando gli ho spiegato la situazione ha fatto la voce grossa lui e mia madre non ha più ribattuto.
      Comunque sul culo nero ti posso garantire che lo stropicciata ben bene

      Elimina
  4. Penso sia tutto vero. Che furbetta la nonna e che pazienza Patricia❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Furbetta o smemorata, non so! Ma io ho finito la pazienza

      Elimina
  5. Tipico che scambino le pastiglie e poi no diano importanza al fatto o semplicemente lo neghino.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia madre nega. Io capisco che non lo faccia apposta però l'ha fatto. E se poi le capita qualcosa?

      Elimina
  6. MI ricorda la mia nonna, io le avevo preparato delle scatoline con delle targhette a caratteri cubitali, mattino, pomeriggio e sera. Tutti i giorni mettevo nella scatolina le pastiglie che doveva prendere e il giorno dopo controllavo che fosse stata brava. Ora mi ritrovo a 47 anni a dover fare lo stesso con me stessa. Sul comodino ho tutte scatoline. Ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Valeria, mamma ne ha quasi 86. È più ingestibile di un bambino di due anni.

      Elimina
  7. Oddio, quando bisogna tenere sotto controllo le pillole è un disastro, lì davvero basta poco per fare disastri. In bocca al lupo Pat, mantieni la calma e tieni le pasticche lucchettate in cassaforte, alla somministrazione ci penserai tu direttamente (se alla mamma non sta bene... se lo farà andare bene ugualmente ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le pastiglie sono chiuse a chiave. È la pazienza che non trovo più.
      Per fortuna ho mio marito dalla mia parte. Quando ha fatto la voce grossa lui è stata zitta

      Elimina
  8. Mi sa che la nonna vuole entrare nella favola della bella addormentata...fai sparire anche i fusi dal regno!!! ;D

    RispondiElimina
  9. Ah, benedetti portapillole... La minaccia dell'ospizio funziona poco. ho notato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte che la risposta è stata vacci tu, viva sì i porta pillole

      Elimina
  10. Mia suocera viveva di pastiglie , ne voleva una ogni ora ma , marito gliele dava
    al bisogno . Quando è mancata ho trovato a casa sua una mini-farmacia .
    Ora è il mio turno di farmaci , il guaio è che spesso li dimentico .
    Come dice Ariano , tienile in cassaforte e dagliele all'ora giusta così non c'è
    pericolo faccia la bella addormentata e tu ti spaventi .
    Abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi siamo alimentati a pastiglie 🙂 ma cinque mg di Tavor... Un po' troppo in una botta sola

      Elimina
  11. Suocera praticamente mangia pastiglie come caramelle..ed è campata fino 92 ..
    E se le dicevi qualcosa tipo..ti fan male..ti rispondeva ..tu non sai come sto male io ..non stava male è che non voleva minimo fastidio..prendeva sonnifero per riposino pomeriggio e se non si addormentava subito anche alla sera..e antidolorifici come caramelle .. e anti acido ..e e e e
    Io dicevo a mio marito tua mamma non morirà di malattia ma intossicata da medicine..quante ne prendeva 😱..
    E se non le davi si incavolava..
    Io ero la riformatrice..passava medico ogni altra settimana..lei dava lista ..io andavo in farmacia ...mah..
    Per ogni cosa aveva pillola!!
    Non voleva assolutamente tribolare mi diceva ..le medicine ci sono le uso!!!
    Boh...ha avuto un problema 1 volta ..praticamente non si muoveva più e stata bloccata x 1 giorno c'ha fatto prendere coccolone ..a noi..ma passato a ripreso a mangiar medicine come caramelle 😱

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per mia suocera non dico nulla perchè le gestiscono le suore ma per mia mamma... 3 al mattino solo per pressione e cura oncologica, ferro e calcio dopo pranzo, sonnifero la sera, ansiolitico in gocce quando si sente ansiosa (SEMPRE) antidolorifici per quella spalla rotta...

      Non ha più detto nulla per le pastiglie requisite ma anche per il pmotivo che l'ultima parola è stata di mio marito, Io conto qulacosa??? Zero!
      Buona domenica stella

      Elimina
  12. Magari noi saremo peggio ..io dico sempre a mio figlio. Se ti farò tribolare ..tu non darmi la mia pastiglia Salvavita...e ciaone!!
    Non voglio fargli passare quello che ha fatto mia mamma con me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono già sulla strada buona 😁

      Elimina
    2. io dico uguale ai miei figli, Tissi

      Elimina
    3. Lo diciamo ora. Ma più avanza l'età e più le mie nonne ()e credo tutti gli anzianil) si attaccano alla vita con le unghie e i denti.

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY