giovedì 8 aprile 2021

Lungo la strada

Con l'auto si diresse verso valle, verso il paesino dove aveva la fortuna/sfortuna di abitare.
Nemmeno duemila anime, pochissimi negozi. Molti anziani. Comodità zero. Tranquillità cento.
Ok, ma nella vita bisogna sempre fare delle scelte. O confondersi tra altri stressati a respirare smog e fumi vari, o andare abitare in collina, lontano dal mondo.
Stupendo  d'estate, bello d'inverno se non ci si doveva muovere.
Quella strada che scendeva a valle srotolandosi come un rocchetto di filo nero scappato dalle mani, con la neve diventava impraticabile o quasi.
In primavera invece era tutto un profumo e un colore confuso tra il biancospino, le acacie e i fiori selvatici.

Qualcosa le balenò alla destra. D'istinto inchiodò. Un capriolo rossiccio, giovane, ancora ignaro dei pericoli, era sbucato dal bosco. Ora, fermo in mezzo alla strada la testa voltata verso di lei, la guardava con occhi sgranati, curiosi.
"A momenti ti ammazzo stupido!" pensò la donna ricambiando lo stesso sguardo.
Fu un attimo. Il capriolo allungò le zampe anteriori, spiccò un balzo e fu nascosto dalle acacie sull'altro ciglio della strada.
Patricia

                                        https://pixabay.com/photos/roe-deer-capreolus-capreolus-doe-2615377/
 

 

 

14 commenti:

  1. Il capriolo aparso... un messaggino di buona fortuna? Certo di sì, soltanto per il fatto di poter vederlo, e se la donna ha inchiodato è che anche lei considera che non è una cosa di tutti i giorni.

    PODI-.

    RispondiElimina
  2. Non tutti hanno quella possibilità di scelta. Quasi magico l'incontro con il capriolo. Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Anni fa musi sotto alle ruote uno scoiattolo. Troppe auto dietro per inchiodare

      Elimina
  3. "fortuna/sfortuna": un nulla fa la differenza, tra la morte e la sopravvivenza, tra la sensibilità e l'indifferenza, tra la cattiveria ed un sorriso.

    RispondiElimina
  4. Successe una cosa del genere anche a me, qualche anno fa, mentre tornavo al mio paesino d'origine. In quel caso, in mezzo alla strada, un meraviglioso e maestoso gufo; ricordo ancora chiaramente i due bei ciuffi ai lati della testa. Fermo, immobile, probabilmente accecato dai fari della mia macchina. E ti assicuro che restai per un po' fermo e immobile anche io, perché gufi e civette sono animali stupendi, dal vivo vederli è uno spettacolo! Tolsi abbaglianti e anabbaglianti, restando con le luci di posizione... ma nulla. Diedi un colpo di clacson, leggero, e quando ero lì per scendere e fare qualcosa per farlo volare via, finalmente... volò. Ho sempre pensato di scriverci anch'io un breve racconto, e magari prima o poi lo farò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello il gufo!!!
      Ne vidi uno anch'io anni fa. Passò a pochi metri dall'auto

      Elimina
  5. Questi sono gli incontri che non dimentico, e mi fanno tornare un sorriso ebete ogni volta che ci penso. Sono fortunata, perché sono frequenti nella mia zona. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui c'è ne sono tanti. Qualcuno dice troppi.
      Sono stupendi

      Elimina
  6. Che bello avere questo genere di incontri :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questa landa sperduta dell'astigiano sono incontri frequenti.
      Lepri, volpi, daini, cinghiali, scoiattoli... Una volta anche un tasso 😁

      Elimina
  7. Al paesello di mio marito ho visto anch'io caprioli , una tenerezza !
    Purtroppo nei boschi (e qualche volta in strada) ci sono molti cinghiali .
    Nel periodo della caccia ne uccidono un centinaio . Sono molto prolifici
    e distruggono tutto .
    Complimenti per il tuo racconto .
    Abbraccio Laura

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY